29 Gennaio 2015 · 10795 Views

Firenze, che altro c'è.

 

Veduta di Firenze nel XV secolo
Firenze patria di mecenati gli avventurieri, mercanti, prostitute, inventori, schiavi, artisti, saltimbanchi, sicari e papi. Firenze splendida e munifica, ma anche sordida e pidocchiosa, dolce e colta, ma anche crudele e rozza. Paradiso, purgatorio e inferno mescolati insieme: un'incredibile miscela che ha fatto da tavolozza spirituale al genio degli artisti. Le immagini da incubo della "Divina Commedia" erano già dipinte sulle mura dei palazzi. 
Dante descriveva scene che i fiorentini del tempo avevano ben impresse negli occhi e nella menteChe cosa nascondono le torri, le case, i tetti delle basiliche, le strade? Perché i fiorentini "adoravano" il leone? Come scelsero di farsi seppellire i grandi pittori? Dove porta la cisterna del Forte di Belvedere o la rete di cunicoli che va da Arcetri a Boboli e oltre? Quale fine fece il tesoro dei Medici? Le risposte a queste e a tante altre domande esistono. Basta cercarle sottoterra, fra le ragnatele e la polvere, in fondo ai pozzi e alle gallerie, ma anche negli archivi, nei dipinti, nelle biblioteche, nelle memorie ufficiali e in quelle tramandate di padre in figlio. 

Vittorio Gassman legge Dante - Divina Commedia - Inferno, Canto I

Firenze è una città eccezionale, nel bello e nel brutto, nel bene e nel male. Per conoscerla davvero, bisogna imparare a respirarla, senza fermarsi alle immagini da cartolina. E respirarla vuol dire anche sentirla nelle cadenze minime, nella gente che parla per la strada. Quella stessa gente che, oltre ai grandi artisti, dette gli umili manovali e gli artigiani, senza i quali nessuna opera avrebbe visto la luce: dal Duomo a San Lorenzo, da Palazzo Vecchio alle fortezze. Bisogna andare dietro le quinte dei monumenti famosi, magari calarsi dentro o scalarli per scoprire altri capolavori sconosciuti. Sono i cantieri dell'ingegno, dove intrecci di leve e impalcature permisero di manovrare l'impossibile.
 
A mio avviso (e non lo dico perché penso, in un certo senso, di appartenere a tale categoria), i nostalgici sono tutt'altro che "fuori dal tempo", anzi - abitano il mondo con delicatezza e silenziosa contemplazione, nella meditazione ininterrotta dell'evolversi della Storia; il loro cuore si rivolge al passato in conforto, in consolazione, in supporto a un presente che probabilmente non lo rappresenta o non lo soddisfa, ma rimane il suo cittadino più accorto e più attento, seppur in bilico tra l'esserne spettatore e attore.
Proteggiamo la nostalgia, ché forse è il solo modo, ormai, per ricordare a noi e agli altri che abbiamo una responsabilità nei riguardi dei posteri quanto dei nostri avi.

 

Come vivevamo


Insegne popolari fiorentine


Chi ha il dente ghiacciòlo non si accosti. (Dente ghiacciòlo dicono in Toscana quel dente cariato che soffre l'impressione del freddo), oppure può esser...

Leggi ora!

Calcio in Costume nel Seicento fiorentino


Il calcio storico fiorentino come veniva visto e percepito nel Seicento

Leggi ora!

Vivere nel XIV secolo


14 settembre 1321, Dante Alighieri muore e insieme a lui muore un mondo fatto di "amor cortese", di laicità dello stato e d'unità d'Italia

Leggi ora!

Schiave orientali a Firenze, terza parte


Il concetto comune del tempo era che senza esitazione si poteva trafficare di schiavi infedeli; e ciò perchè si riteneva che non la natura, ma la religione...

Leggi ora!

Visite guidate

Gioco a squadre precostituite
Caccia alla storia e al divertimento. Anche nelle calde sere, da maggio a settembre, tempo...
Il percorso che faremo ci porterà all'interno dell'animo umano. Ingresso gratuito per i residenti...
Visita guidata al cimitero detto delle Porte Sante situato sul colle di San Miniato al Monte.