Primary Menu
  • Apartments Florence
  • Pavimenti In Legno Taddeo
  • Park2Go

Chiesa di Santa Croce, Tempio Itale Glorie





Prossime date
Rimani in contatto con noi per conoscere le prossime date iscrivendoti alla newsletter.

Iscriviti
La vostra guida sarà Conosci Firenze
Pagamento: Pagamento Il Giorno Della Visita


Il biglietto d'ingresso alla chiesa per i NON residenti NON è compreso nel costo della visita guidata
 
Costo Visita Guidata: 
13 euro a persona
8 euro da 10 a 17 anni

da 5 a 9 Anni: 6 €  
(Gratis: 1 per ogni adulto pagante)
Numero minimo di partecipanti: 5

Altre forme di pagamento: 
amministrazione@conoscifirenze.it

Durata Visita:
1,5 ora circa

Luogo d'incontro:
Sarà comunicato con email e sms.

Biglietti ingresso chiesa:
gratuito per i residenti a Firenze e provincia
Intero € 8,00 
Ridotto € 4,00 per ragazzi dagli 11 ai 17 anni

Santa Croce, il tempio delle itale glorie
 
Il progetto di questa chiesa risale al 1294 probabilmente opera di Arnolfo di Cambio, architetto che in quegli anni stava seguendo tutti i più grandiosi progetti della città. Si tratta di una delle più grandi chiese officiate dai Francescani e al suo interno è possibile ammirare il lavoro dei più grandi artisti di tutti i tempi. Giotto, Donatello, Cimabue sono solo alcuni nomi tra i tanti che vi hanno lavorato lasciando un inconfondibile segno.
La Chiesa è nota anche come "Tempio delle Itale glorie", definizione data da Ugo Foscolo nella sua opera i Sepolcri, per le numerose sepolture di artisti, letterati e scienziati che ospita tra cui la tomba dello stesso Foscolo, di Vittorio Alfieri, di Galileo, di Michelangelo e di molti altri.
 
Visita Guidata Chiesa di Santa Croce

La visita partirà dalla piazza dove verrà fatta una introduzione storico-artistica e si parlerà della facciata terminata solo nell'Ottocento, ci sposteremo poi all'interno ad ammirare le tombe monumentali lungo le navate laterali e le cappelle disposte lungo il transetto.
Ci sposteremo poi nella sagrestia dove si trova il famoso crocifisso di Cimabue che dal 1966 è diventato simbolo dell'alluvione e dei danni causati da questo disastroso evento; visiteremo poi il piccolo Museo dell'Opera che conserva tra le altre opere il più antico cenacolo della città ed infine ci fermeremo presso la Cappella Pazzi, uno tra i capolavori dell'arte rinascimentale progettata da Filippo Brunelleschi su commissione della famiglia Pazzi.

Banner Pubblicitario