Primary Menu
  • Park2Go
  • Apartments Florence
  • Pavimenti In Legno Taddeo

Chiesa di Santa Croce, Tempio Itale Glorie






Clicca qui per prenotare la tua visita o guardare le date disponibili!
Prossime date
  • 12-11-2017 dalle ore 14:30 alle 16:00
La vostra guida sarà Conosci Firenze
Pagamento: Pagamento Il Giorno Della Visita


Il biglietto d'ingresso alla chiesa per i NON residenti NON è compreso nel costo della visita guidata
 
Costo Visita Guidata: 
13 euro a persona
8 euro da 10 a 17 anni

da 5 a 9 Anni: 6 €  
(Gratis: 1 per ogni adulto pagante)
Pagamento col bonfico chiedere informazioni: amministrazione@conoscifirenze.it

Durata Visita:
1,5 ora circa

Luogo d'incontro:
Sarà comunicato con email e sms.
Biglietti ingresso chiesa:
gratuito per i residenti a Firenze e provincia
Intero € 8,00 
Ridotto € 4,00 per ragazzi dagli 11 ai 17 anni
Per visite private inviare email: visiteguidate@conoscifirenze.it

Santa Croce, il tempio delle itale glorie
 
Il progetto di questa chiesa risale al 1294 probabilmente opera di Arnolfo di Cambio, architetto che in quegli anni stava seguendo tutti i più grandiosi progetti della città. Si tratta di una delle più grandi chiese officiate dai Francescani e al suo interno è possibile ammirare il lavoro dei più grandi artisti di tutti i tempi. Giotto, Donatello, Cimabue sono solo alcuni nomi tra i tanti che vi hanno lavorato lasciando un inconfondibile segno.
La Chiesa è nota anche come "Tempio delle Itale glorie", definizione data da Ugo Foscolo nella sua opera i Sepolcri, per le numerose sepolture di artisti, letterati e scienziati che ospita tra cui la tomba dello stesso Foscolo, di Vittorio Alfieri, di Galileo, di Michelangelo e di molti altri.
 
Visita Guidata Chiesa di Santa Croce

La visita partirà dalla piazza dove verrà fatta una introduzione storico-artistica e si parlerà della facciata terminata solo nell'Ottocento, ci sposteremo poi all'interno ad ammirare le tombe monumentali lungo le navate laterali e le cappelle disposte lungo il transetto.
Ci sposteremo poi nella sagrestia dove si trova il famoso crocifisso di Cimabue che dal 1966 è diventato simbolo dell'alluvione e dei danni causati da questo disastroso evento; visiteremo poi il piccolo Museo dell'Opera che conserva tra le altre opere il più antico cenacolo della città ed infine ci fermeremo presso la Cappella Pazzi, uno tra i capolavori dell'arte rinascimentale progettata da Filippo Brunelleschi su commissione della famiglia Pazzi.

Banner Pubblicitario